La famigerata intervista di Saverio Raimondo a ComedySubs

foto SR

9 settembre 2010 | Autore: ReRosso

Eccoci qua con un altro comico della squadra di Satiriasi: Saverio Raimondo!

Caro Saverio, leggendo il tuo curriculum, uno si chiede: dopo aver lavorato con la Dandini, come mai hai accettato di lavorare con quei pezzenti di Giardina e Augeri?

In effetti, a leggerlo il mio curriculum suona accattivante, ma ti assicuro che non è come sembra. Lavoro come comico da quando ho 18 anni, ma sono ancora un precario dello spettacolo con lunghi periodi di magra. Ho fatto dei soldi, ma pochi. Inoltre, finiscono in fretta. Nonostante molte collaborazioni illustri non sono ancora emerso e resto un cane sciolto… e abbandonato. Insomma, sono un pezzente anch’io come Giardina e Augeri!

Quand’è che hai deciso di diventare uno stand-up comedian?

Era un’aspirazione sin da quando ho iniziato. Sono cresciuto con la mitologia della comicità americana, il mio immaginario comico è anglosassone. La mia prima performance da stand-up comedian risale al dicembre 2007, in un jazz club di Roma, perfomance rimasta isolata e giustamente caduta nell’oblio. Nella primavera del 2009 ho fatto un viaggio a Londra apposta per vedere stand-up comedy da vicino. Poi finalmente nell’autunno del 2009 è nata Satiriasi, e quella mia ambizione ha assunto contorni più concreti. Io non faccio cabaret, non lo voglio fare e penso di non saperlo neanche fare: sono un comedian. Stand-up o, se proprio proprio devo scendere a compromessi, sit-down.

Personalmente, ho sentito il tuo nome la prima volta quando ti hanno chiuso il programma a RedTv. A quasi un anno di distanza, cosa si prova?

Ho fatto programmi su RedTv finché ci sono state le condizioni per lavoraci, e cioè finché c’è stato alla direzione Claudio Caprara: fu lui a volermi e fu lui a mettermi in condizione di lavorare dandomi la libertà di dire, fare e sperimentare, con l’unico limite del budget ristrettissimo. Per me è stata un’esprerienza importante, una palestra. Poi Claudio Caprara è stato rimosso dal suo incarico da parte della Fondazione ItalianiEuropei e dall’amministrazione di Red; quella stessa amministrazione che non aveva mai fatto mistero di non apprezzarmi. Al posto di Caprara fu messo Francesco Cundari (dalemiano che scrive sul Foglio: serve altro?), uomo fidato della Fondazione. Io avevo un contratto per 6 puntate ormai firmato in epoca “caprariana”; e 6 puntate mi hanno fatto fare, non una di meno. Ma il clima in cui ho lavorato è stato di totale ostacolo e disistima, come ho raccontato “in presa diretta” nel mio programma. Per Red ormai ero “un morto che cammina”, cioè ero già ufficiosamente fuori. A quanto pare, uno sketch ha dato particolare fastidio all’amministrazione e alla Fondazione. Ovviamente, finito quel programma nessuno mi ha più proposto niente dalle parti dell’890 di Sky. D’altronde, RedTv ha chiuso ufficialmente i battenti qualche mese dopo. Cosa si prova? Prima o poi il mio rapporto con RedTv doveva finire, non intendevo legarmi a loro, e sono contento dunque di non avervi più nulla a che fare. Un po’ meno delle modalità di uscita, ma non si può avere tutto.

Molti hanno rinfacciato a Luttazzi di aver lucrato in popolarità sulla censura subita. Visto che sei stato epurato pure tu, qual è il tuo punto di vista? Sei diventato più famoso, dopo che ti hanno chiuso RaimondoVisione?

Direi di no: mi ha dato un’attimo di maggiore visibilità, ma che non ha portato a nulla. Questo anche perché io, personalmente, non ci ho lucrato né insistito; ci ho solo giocato un po’. E poi perché la mia non è stata proprio una censura a tutti gli effetti… Per dirla in battuta: “Quelli di Red non mi hanno censurato, mi hanno solo disoccupato. Bastardi, mi hanno fregato! Magari mi avessero censurato! “. Nel mio repertorio stand-up ho proprio un pezzo sulla censura e sui “martiri della satira”: chi verrà a vedere il mio spettacolo Risate Finte, sentirà il mio punto di vista sulla questione.

Se uno ti dice che il tuo stile è molto “luttazziano”, ti offendi?

Nient’affatto: mi hai appena paragonato a Hicks, Carlin, Emo Philips e un sacco di altri comici super, i migliori al mondo! Battute a parte: ritengo il paragone giustificato (non sei il primo), ma improprio. Mi spiego: penso che il valore artistico di Luttazzi sia pari a zero, ma che lui abbia avuto un ruolo culturale importantissimo per questo paese. È stato il primo ad aver portato una certa comicità, un certo stile, un certo immaginario comico qui in Italia. È stato disonesto, ma è arrivato primo. E per il grande pubblico è rimasto finora anche l’unico. Così, per chi come me fa una certa comicità, l’unico riferimento che il pubblico nostrano ha qui è proprio lui, Luttazzi. Ma in realtà quello che fa qui Luttazzi (quelle pause, quei tempi, quel genere di facce, quel genere di battute…) in America lo fanno in tantissimi. Quindi è un paragone che sussiste solo fra Ventimiglia e Lampedusa. Inoltre, mi paragonano sempre a qualcuno: da Woody Allen (di cui riconosco di esserne posseduto) a Chiambretti (…) passando per Jerry Lewis (!) . Questo per dire che qui in Italia la gente ha sempre bisogno del metro di paragone, o meglio di un riferimento sotto il quale etichettarti, leggerti, addomesticarti; non sopportano l’alieno, l’estraneo, il nuovo.

Visto che siamo su un sito che si occupa di comici stranieri: quale dei “nostri” comici preferisci? E c’è qualche comico che secondo te manca clamorosamente all’appello?

Woody Allen per me era e resterà sempre il massimo, il riferimento aureo. Amo Carlin, ma Hicks mi piace ancora di più. “Manca” il grande Mort Sahl, il primo stand-up comedian, assenza giustificata però dall’inesistenza di riprese video. E Larry David, che io adoro. Ma, anche nel suo caso, c’è qualche suo stand-up disponibile? Per esempio su YouTube ho trovato solo due video…

°°°°°°°

Note

In questa illuminante e famigerata intervista, quando ReRosso gli ricorda i suoi debiti verso Luttazzi, Saverio Raimondo fa lo stronzo: “Mi hai appena paragonato a Hicks, Carlin, Emo Philips. (…) Quello che fa qui Luttazzi (quelle pause, quei tempi, quel genere di facce, quel genere di battute…) in America lo fanno in tantissimi.”

Notate: Raimondo sa bene cosa ha copiato da Luttazzi (pause, tempi, facce, battute), ma si difende con la classica balla usata da Paolo Rossi quando copiò Mistero Buffo da Dario Fo ( e Franca Rame gli tolse il saluto). Rossi disse: “Non copio da Fo, copio da quelli da cui lui ha copiato.”

Il fatto è che se vedi Luttazzi non pensi a Hicks, Carlin o Emo Philips: Luttazzi ha un suo mondo e un suo punto di vista, da cui deriva il suo stile inconfondibile. Invece, se vedi Raimondo, pensi a Luttazzi.

Il fatto è che Raimondo copia!

La parola finale quindi è di Faust VIII: “Non si può criticare Luttazzi di copiare, quando si fa la stessa cosa”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...